yu-siang-teo-GZjH4cVGgCs-unsplash
borghideuropalogo

MENU

MENU

​CONTATTI

​CONTATTI



Via Lussemburgo n.42, Padova/

Piazzale Martesana, Milano
email : borghideuropa@yahoo.com
redazione : info@italiadelgusto.com

Via Lussemburgo n.42, Padova/

Piazzale Martesana, Milano
email : borghideuropa@yahoo.com
redazione : info@italiadelgusto.com

Con lo scopo di valorizzare e promuovere la conoscenza, lo sviluppo e la diffusione delle culture locali in tutte le loro espressioni

Con lo scopo di valorizzare e promuovere la conoscenza, lo sviluppo e la diffusione delle culture locali in tutte le loro espressioni

IL NOSTRO BLOG

italiadelgusto.com @ All Right Reserved 2019 | Sito web realizzato da Flazio Experience

Testata Giornalistica Borghi d'Europa, registrata il 21/05/2019 presso il Tribunale di Treviso, N° Iscrizione 276. Direttore Responsabile: Giorgio Vizioli, Tessera Gionalista N° 171844

italiadelgusto.com @ All Right Reserved 2019 | Sito web realizzato da Flazio Experience

Testata Giornalistica Borghi d'Europa, registrata il 21/05/2019 presso il Tribunale di Treviso, N° Iscrizione 276. Direttore Responsabile: Giorgio Vizioli, Tessera Gionalista N° 171844

SAPORI DI TRADIZIONE REGIONALE: IL BACCALA’ FRITTO ALLA MILANESE

2021-03-31 16:44

Admin

News,

SAPORI DI TRADIZIONE REGIONALE: IL BACCALA’ FRITTO ALLA MILANESE

Milano, 31 Marzo 2021- Continua il viaggio dell’Italia del Gusto alla ricerca dei sapori di tradizione regionale lombarda: è il turno del baccalà frit

Milano, 31 Marzo 2021- Continua il viaggio dell’Italia del Gusto alla ricerca dei sapori di tradizione regionale lombarda: è il turno del baccalà fritto o alla milanese, un piatto popolare consumato in grosse quantità nonostante la Lombardia non sia per niente vicina al mare.

La storia della cucina di pesce lombarda ha riguardato per secoli il pesce d’acqua dolce, di lago o fiume, finchè non venne introdotto il baccalà e lo stoccafisso (la gente lombarda non ha mai approfondito le differenze tra baccalà e stoccafisso), ritenuto un alimento povero e gustoso sino al periodo tragico della 2° Guerra Mondiale, ad appannaggio del popolo e non dei ceti più ricchi.

Nei banchi di vendita all’aperto era abbastanza normale trovare un ambulante friggere il baccalà, aspetto chiave visto il successo e la diffusione che ha avuto poi nel dopoguerra nelle cucine lombarde.

Per raggiungere un ottimo risultato e avere in tavola del gustoso e succulento baccalà fritto occorre lavarlo bene, togliere accuratamente pelle e lische, tagliarlo a pezzi e infarinarlo per poi friggerlo con dell’olio bollente in padella e successivamente servirlo aggiungendo sale, pepe e prezzemolo a piacere oppure del succo di limone. Un’ulteriore valorizzazione del piatto è abbinarlo a dell’ottima polenta o a delle patatine fritte!

Un vino adatto? Italia del Gusto suggerisce l’Asprinio di Aversa fermo e secco e una bolla importante, come un Franciacorta Docg Pas Dosè, privo di residui zuccherini!

 

 

Alessio Dalla Barba

 

francisco-ghisletti-RZrIJ8C0860-unsplash

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le novità dell'Associazione

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder